domenica 30 dicembre 2012

UN TRIS DI ANTIPASTI


Abbiamo camminato insieme su due stradine parallele, tenendoci la mano laddove cresce l'erba perchè le ruote dei carri non attraversano quel tratto. Due sentieri di campagna fatti di piccoli ciottoli bianchi, a tratti sconnessi e con qualche buca che nelle giornate di pioggia si riempiva d'acqua diventando poi fango e al ritorno del sole evaporava lasciando solo una traccia del suo passaggio. Si snodavano su un poggio ridente perlopiù pianeggiante, ed era gradevole passeggiare anche quando la strada si faceva più ripida perchè sapevamo che dopo la lieve salita ci sarebbe stata una discesa che ci avrebbe reso il fiato e la spensieratezza del nostro camminare. Ogni tanto facevamo una deviazione, ci sedevamo sull'erba verde a mangiare, a goderci la brezza primaverile mentre le nostre voci si univano in canti accorati e le nostre dita si intrecciavano, le nostre mani si cercavano, le nostre bocche sapevano amarsi. Ci riparavamo l'un l'altra quando arrivava una tormenta, a volte cadevo ma la sua mano era sempre lì, pronta a raccogliermi e curare le mie ferite. Abbiamo visto animali, piante meravigliose, montagne e il mare con le sue acque immense, abbiamo giocato e riso con l'animo che scoppiava per la gioia, abbiamo pianto e urlato e siamo stati tristi. 
Poi un giorno mi sono smarrita, la mia mano era vuota e con tanto dolore mi sono resa conto che non conteneva più la sua ma solo un mucchietto di polvere perchè ero caduta e mi ero aggrappata alla terra per non affondare. Avanti e indietro, ovunque guardassi vedevo solo le stradine che indifferenti e immutate continuavano la loro corsa verso l'orizzonte, nascondendosi dietro la collina e riapparendo dall'altra parte fino a che lo sguardo poteva perdersi, fino a che lo sguardo poteva arrivare. Ho camminato da sola, curva dopo curva, ho incontrato persone sul mio percorso con le quali ho condiviso tratti di strada, in certi momenti avevo paura del calare della notte e il freddo mi paralizzava, altre volte correvo libera come gli uccelli, con la sincera consapevolezza di essere capace di spiccare il volo.
E a un certo punto la strada è finita, così, improvvisamente. Niente più campagna, niente erba verde, niente prati, solo una radura piena di terra secca, uno spiazzo vuoto dove guardarsi intorno a trecentosessanta gradi e scoprire che è molto più facile osservare ciò che ci circonda piuttosto che quello che abbiamo dentro.
Poi una voce, calda voce familiare e poi due occhi, immutati nel colore ma con una nuova forma, una piega che non conoscevo e un nuovo modo, per me, di guardarci dentro e vederci il mondo. E infine una mano, una mano grande e forte che si tende verso le mie piccole ossa, mi acchiappa forte e riprende a camminare con me. Ora sarà un'unica strada ad accompagnare i nostri passi.



In questi giorni di festa capita spesso che si cerchino idee per cene, cenoni e cenette; gli antipasti e gli appetizers restano un must sempre gradito. Eccone tre tipi dai sapori diversi e contrapposti, gradevoli al palato, semplici e rapidi da preparare. 

INGREDIENTI:

- pere abate
- prosciutto crudo
- mascarpone
- pepe verde in salamoia

Sbucciare e tagliare le pere a fette alte circa 1 cm, spalmare su un lato un cucchiaino di mascarpone mescolato a qualche grano di pepe verde in salamoia, avvolgere una fetta di prosciutto crudo attorno ad ogni fetta e servire.

- pane cotto a legna
- pomodori secchi sott'olio
- lardo di colonnata
- rosmarino

Arrostire il pane tagliato a fette abbastanza spesse, togliere dal forno, appoggiare un pomodoro secco e una fettina di lardo su ogni fetta, guarnire col rosmarino e passare in forno caldo per qualche secondo per far appena sciogliere il lardo. Servire caldi.






- zucchine
- scamorza affumicata

Tagliare le zucchine a fette molto fini per il lungo, grigliarle, arrotolarle attorno ad un quadrato di scamorza affumicata e chiudere con uno stecchino. Passare in forno finchè il formaggio non sia fondente, servire calde.


Non è poi così difficile ascoltare
Perchè siamo carne da accarezzare
E progetti possibili da realizzare

Dal tuo silenzio al mio rumore
Dal nostro potere di non farci del male

Dal mio amore al tuo amore
Dal mio sentire al tuo pensare
Dal tuo cuore al mio cuore
Un millimetro appena 
O tutta una vita se è quello che vuoi

( "Dal tuo sentire al mio pensare", F.Mannoia )


28 commenti:

  1. Gli antipasti sono sempre i più graditi... quando ci si siede a tavola si ha talmente tanta fame che vedendoli l'acquolina comincia a salire incontrollata.
    Sono davvero tutti ottimi suggerimenti.
    Ti faccio un mondo di Auguri per uno splendido 2013. Che il nuovo anno possa portarti tutto il meglio e che quella strada continui a sorriderti.
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella immagine, la strada che sorride :D

      Auguri anche a te e Tommy, che sia un anno meraiglioso!

      Elimina
  2. ma che deliziosi! semplici e di effetto! ideali per la tavola delle feste!
    buon 2013
    spery

    RispondiElimina
  3. Ottimi questi stuzzichini. Idee veramente golose. Tantissimi auguri per un magnifico 2013.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna, un buon anno a te!

      Elimina
  4. Ciao tesoro :) Che bello questo post, amica mia... è sempre emozionante leggerti... ti auguro tanta felicità, che il nuovo anno sia magnifico sotto tutti i punti di vista! :) Antipasti squisiti, uno meglio dell'altro... ma il mio preferito in assoluto è quello con i pomodori secchi, li adoro! :D Complimenti, ottime idee! :) Un abbraccio forte forte :) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vale sei sempre carina, anche io amo i pomodori secchi, mi piacciono davvero tanto. Comunque devo dire che quello con le pere e il crudo è delizioso soprattutto dopo il sapore forte del crostino col pomodoro e il lardo.
      Auguro anche a te tanta gioia per il nuovo anno, baci baci

      Elimina
  5. Antipasti irresistibili. Buone feste e soprattutto buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del complimento, un meraviglioso nuovo anno anche a te :D

      Elimina
  6. Libera sempre di spiccare il volo almeno con la mente, questo il mio augurio di buon anno. Piacere di averti conosciuta e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio e buon anno a te, mi è piaciuto moltissimo il tuo blog, quello che scrivi e le foto. Complimenti e a presto

      Elimina
  7. Quante emozioni in questo post!
    E tre piccole cosine buone!
    Ecco, ti auguro un 2013 così, pieno di grandi e dolci emozioni, ma anche di piccole cose buone che tutte assieme condiscono la vita!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un augurio ottimo per quest'anno che verrà. Prevedo cose buone, per tutte noi. Un abbraccio e auguri!

      Elimina
  8. Io vivrei di antipasti!! Mi piacciono tutti e tre, semplici e molto stuzzicanti!!
    Sei meravigliosa Celeste ed io voglio augurarti un 2013 all'insegna della serenità!!
    Un bacione enorme e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieee!! Ricambio anche qui e ti abbraccio forte forte

      Elimina
  9. Ciao Celeste, beh, una mano forte che si tende verso di noi e ci solleva è quel che ci vuole... Ci vorrebbe anche un antipastino dei tuoi, non voglio essere ingorda e prendo soltanto uno, quello con i pomodori secchi. Un abbraccio e un augurio per il 2013, te lo lascio qui, dagli tu un nome, che sia "buon" o "sereno" o "sfavillante", come vuoi e quello che vuoi, tanto so che lo sceglierai perfetto :-)

    RispondiElimina
  10. Quella mano forte che ti ha riacchiappato ha forse trovato una creatura fragile e smarrita, ma che ha fatto e sta facendo comunque tanta strada e sta cercando la sua forza anche da sola. Io in questo anno ti ho letto, ti ho visto mentre provavi a cercare un sentiero nuovo, ti ho immaginato mentre in un posto lontano facevi nuova scoperta del mondo e di te. E ho gioito quando sei tornata così piena di vita. Perciò cara Celeste, non ti auguro che questo, per il 2013. Di camminare per i tuoi sentieri in cui troverai meraviglie e, ne sono certa, le saprai riconoscere. Un abbraccio, di cuore

    RispondiElimina
  11. E' andata a finire bene per fortuna :-) Son contenta per te e ti auguro di trovare queste mani forti per sempre, ovviamente quindi anche in questo 2013, che ti auguro essere bello, pieno di soddisfazioni e felicità. Un bacione cara :-)

    RispondiElimina
  12. Ti auguro che nel nuovo anno tu possa continuare a camminare per quel sentiero e che ti porti verso e attraverso luoghi meravigliosi, che ti riempiano gli occhi e il cuore di gioia, tra persone care.
    Appena mi rimetto in sesto lo stomaco, provo sicuramente quella cosa meravigliosa con le pere!!!

    RispondiElimina
  13. bella questa storia a lieto fine, spero rappresenti davvero come ti senti e come diceva jovanotti "due sguardi in un secondo sovrappongono un destino.." in questo caso un cammino. io mangerei un bel po di questi stuzzichini, sopratutto quello con le pere, ma ti dirò che i pomodorini secchi se la giocano... della serie uno tira l'altro!!! tesoro ti auguro tutta la felicità del mondo e un anno strepitoso!! ti abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ottimi stuzzichini, idee da rifare! Il tuo racconto è molto emozionante! TI auguro un mondo di bene e felicità per questo nuovo anno appena iniziato, te lo meriti! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. Lungo il nostro viaggio ci sono momenti in cui le mani si sentono perse ed i piedi non vanno avanti, ma per ognuno di questi momenti c'è un incontro con una mano amica, con passi di accompagnamento...anche nelle più belle sinfonie ci sono pause. Complimenti per gli antipasti, messi nella mia wish list. Serena giornata e buona Epifania

    RispondiElimina
  16. Celeste ti auguro che questo 2013 ti porti nuove meraviglie....
    Arrivo tardi sono senza computer uso quello di lavoro .
    Però per me questi antipastini vanno sempre bene;)
    Bacioni

    RispondiElimina
  17. Gli antipasti sono molto invitanti...Ti auguro un buonissimo proseguimento!!!

    RispondiElimina
  18. Ciao Carissima! Complimenti per i tuoi ultimi post..sono bellissimi.. Credo sinceramente trasmettino la serenità che si legge dentro di te! Il viaggio ti ha segnato tanto, e forse sarebbe utile per ognuno di noi..in modo da distaccarsi da questa superficialità del "tutto dovuto" per potere conoscere le preoccupazioni della vita, e conoscere meglio i nostri pensieri..
    Complimenti, foto splendide..sei grande!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
  19. Sarà l'ora...ma me li prenderei tutti! Da oggi ti seguirò molto volentieri.
    Bacio,
    Cri

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...